Il posizionamento, questo sconosciuto - Studio Spot Blog
Ci sono tante competenze che non si imparano a scuola, soprattutto in ambito di comunicazione, utili a un buon comunicatore nel mondo del lavoro.
competenze, comunicazione, scuola, imparare
15607
post-template-default,single,single-post,postid-15607,single-format-standard,qode-listing-1.0.1,qode-social-login-1.0,qode-news-1.0,qode-quick-links-1.0,qode-restaurant-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-12.0.1,qode-theme-bridge,bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.2,vc_responsive

Il posizionamento, questo sconosciuto

Posizionamento

Il posizionamento, questo sconosciuto

Perché dovrebbe interessarmi?

Abbiamo notato che molti clienti della nostra agenzia di comunicazione, se intraprendono un progetto che prevede una strategia di comunicazione, non hanno mai sentito parlare di posizionamento. Al massimo ne hanno solo una vaga idea. Se noi ci impegniamo a spiegarne il significato e l’utilità, loro con gioia ne scoprono la potenza. Se hai un marchio, dei prodotti o dei servizi da vendere, dovrebbe interessarti, anche moltoil posizionamento è lo strumento più efficace per battere i tuoi competitor.  

Azione e oggetto

Tanto per cominciare, bisogna aver chiaro che il posizionamento è un’operazione strategica (concepita a tavolino e formalizzata in un documento cartaceo) che si effettua su un oggetto, ovvero un marchio o un prodotto o un servizio. Per cui possiamo dire “posizioniamo il marchio X, o posizioniamo il prodotto Y, o il servizio Z”.

Cosa non è

Si può capire meglio cosa sia il posizionamento iniziando dal distinguere l’uso scorretto del termine. A volte è usato in riferimento alle caratteristiche oggettive del prodotto e alla sua conseguente possibilità di essere “piazzato” in un certo mercato, a volte addirittura all’attività commerciale di “piazzamento” in determinati canali di vendita. Spesso infatti i nostri clienti, quando iniziamo a parlare di posizionamento, immaginano uno di questi significati. In realtà il posizionamento è un’operazione semantica, ovvero psicologica e simbolica, che riguarda il modo in cui il pubblico deve percepire l’oggetto.

Percezione, comunicazione

Il posizionamento è l’operazione tramite cui vengono scelti, definiti e infine associati dei valori all’oggetto, affinché esso sia comunicato in un certo modo e di conseguenza sia percepito dal pubblico nel modo in cui l’impresa desidera. Posizionare significa attribuire valori e/o caratteristiche uniche, riconoscibili e costanti nel tempo. In questo modo, nella mente dei consumatori l’oggetto (marchio o prodotto) deve essere identificato e classificato secondo un preciso intento. In termini metaforici significa cercare di stabilire il “cassetto mentale” che il destinatario deve usare per “conservare in memoria” l’oggetto.   

La fidelizzazione

Il punto è che, per chi ha un’impresa con un marchio di prodotti o servizi, è grave non sapere nulla del proprio posizionamento. Il posizionamento dovrebbe essere alla base di tutto il processo di marketing e della successiva strategia di comunicazione. Ogni atto comunicativo dell’impresa dovrebbe essere coerente con il posizionamento stabilito. In questo modo l’oggetto sul mercato ha molte più probabilità di essere ricordato e interpretato correttamente dal pubblico, ovvero suscitare le giuste aspettative. Inoltre, all’atto del consumo del prodotto (o utilizzo del servizio), può soddisfare davvero il consumatore e così garantirsi una valutazione positiva e quindi, infine, ottenere la fidelizzazione del consumatore.

Come si realizza?

Posizionare è un’operazione molto complessa, che richiede competenze di gestione, marketing, comunicazione e semiotica. Non è quindi il semplice frutto di una decisione presa in 3 minuti, è il frutto di una profonda analisi, riflessione, ragionamento sulle potenziali strade, e scelta consapevole e motivata di quella da percorrere. Il posizionamento stabilito si manifesta pubblicamente tramite la comunicazione dell’oggetto. Affinché il posizionamento sia comunicato in modo efficace è quindi necessario non solo che sia stato progettato il posizionamento, ma anche che chi comunica sappia bene come esprimere quel posizionamento e sappia usare ogni elemento della comunicazione, affinché l’interpretazione del destinatario scorra liscia al punto desiderato.

Cosa deve fare una agenzia di comunicazione

Quando un’agenzia seria e competente vuole affrontare la sfida della comunicazione per un’impresa che gestisce un marchio di prodotti o servizi, è davvero fondamentale che sappia…

  1. …effettuare la giusta analisi degli elementi utili a poter elaborare il posizionamento.
  2. …elaborare proposte di posizionamento ben strutturate e chiare.
  3. …guidare e/o assistere il cliente nelle decisioni cruciali sul posizionamento.
  4. …elaborare quindi una strategia di comunicazione basata sul e coerente con il posizionamento.
  5. …inventare proposte creative  coerenti e al servizio del posizionamento.
  6. …costruire un progetto pubblicitario in cui ogni messaggio, contenuto e strumento di comunicazione sia realizzato in modo che ogni elemento (visivo, testuale, eidetico, cromatico, etc) sia espressione coerente e al servizio del posizionamento.
  7. …intercettare il giusto pubblico di riferimento, tramite l’elaborazione di un piano di comunicazione orientato a sfruttare ciascun canale e contesto.
  8. …amplificare la propagazione del posizionamento tramite azioni sugli influencer.
  9. …supportare il cliente nell’elaborazione del modello di business, dei modelli di verifica del ROI.
  10. …gestire e sfruttare il feedback diretto e le verifiche per il potenziamento del modello di business.
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.